Falconara Bene Comune e Cittadini in Comune scrivono al Ministro dell’Interno, a Deputati e Senatori delle Commissioni e agli eletti nelle Marche: “in questo territorio si sono progettate opere i cui rischi tecnologici e ambientali sono sinergici, ma sono stati valutati solo separatamente! Ecco gli scenari incidentali temuti dai cittadini!

senza-ric-sindaco.jpgA Falconara Marittima, in un’area di circa 3 km², si sovrapporranno progetti i cui rischi tecnologici ed ambientali NON SONO MAI STATI VALUTATI NEL LORO POSSIBILE SINERGISMO!

il-rischio.jpg pai-e-bypass-falc-schematizzato.jpg  La Regione Marche e il Comune di Falconara Marittima non sembrano essersi mai poste il problema nonostante le sollecitazioni delle associazioni dei cittadini. Pertanto, le liste civiche FBC/CiC hanno deciso di scavalcare istituzionalmente Regione, Provincia e Comune  e con una lettera hanno chiesto di valutare la seguente situazione al Ministro degli Interni, alla Prefettura di Ancona, alle Commissioni Ambiente, Trasporti e LL.PP. di Camera e Senato, ai Deputati e Senatori eletti nelle Marche.

Il contesto territoriale: Falconara Marittima è una zona SISMICA delle Marche caratterizzata da sorgenti sismogenetiche con magnitudo massima stimata a 5.9 e con faglie attive inverse potenzialmente in grado di produrre effetti rilevanti di deformazione superficiale. L’area del territorio di Falconara Marittima in cui insisteranno le opere a cui ci riferiamo è di massimo rischio idrogeologico (R4) dove si sono verificate alluvioni nel 1997, 2006 e 2011. Continua a leggere…

Falconara M.: di fronte al muro di gomma dell’Amministrazione comunale, le liste civiche FBC/CiC intensificheranno lo “scavalcamento istituzionale”!

Perchè il Sindaco e Assessore all’Urbanistica di Falconara M. da 11 mesi tiene nel cassetto la proposta di modifica del Piano Regolatore di API raffineria SpA? CiC/FBC la trovano e la pubblicano! Presentata una mozione.

Il 12 marzo 2014 API raffineria di Ancona SpA ha chiesto al Sindaco e alla Giunta di Falconara Marittima il parere 2015-01-13_2352471.jpgpreliminare sulla propria proposta di Variante al Piano Regolatore che riguarda lo sviluppo del sito industriale e la ex Caserma Saracini.

Siamo letteralmente incappati nella importante richiesta della raffineria API pubblicata nel Portale della Trasparenza del Comune di Falconara M. dato che, rispetto al resto dei documenti presenti, è stata classificata con un anonimo ed sfuggente APU 2 - SAT B2 Villanova -Fiumesino -Svincolo variante SS76

Innanzitutto tra le richieste di modifica di API raffineria ne spiccano due nella sezione DESCRITTIVA: Continua a leggere…

Emissioni industriali a Falconara M.: il risveglio tardivo dell’Assessore Astolfi e la necessità dell’impegno dei Parlamentari e Consiglieri regionali marchigiani!

senza-ric-sindaco.jpgFALCONARA M.: EMISSIONI MALEODORANTI DI TIPO INDUSTRIALE E RISCHI PER LA SALUTE.

Il risveglio tardivo dell’Assessore Astolfi pone alcune domande inquietanti!

URGE L’IMPEGNO DI TUTTI I PARLAMENTARI MARCHIGIANI PER LA BONIFICA ED IL RISANAMENTO DELL’AREA FALCONARESE E DELLA BASSA VALLESINA! Continua a leggere…

Falconara M.: Riccardo Borini - Vicepresidente della Commissione consiliare Ambiente - ha deciso di non partecipare alla Commissione di oggi 5.08.2014 convocata presso la ditta Eredi Raimondo Bufarini Srl: “Non ci sono le condizioni minime per poter svolgere correttamente le funzioni di Consigliere comunale”. Le motivazioni

senza-ric-sindaco.jpgIl Consigliere delle Liste civiche FBC e CIC Riccardo Borini motiva il rifiuto a partecipare alla seduta del 5.08.2014 della Commissione consiliare IV^ (Ambiente) presso la ditta Eredi Raimondo Bufarini Srl.

condizioni_minime-please.jpgIeri sera (4.08.2014) il Vicepresidente della Commissione consiliare IV^ Riccardo Borini (liste Civiche FBC e CIC) ha scritto una lettera alla Presidente della Commissione - Yasmine Al Diry - per spiegare le motivazioni del rifiuto a partecipare alla seduta del 5.08.2014 della Commissione IV^ indetta  nei locali della Ditta Eredi Raimondo Bufarini Srl.

Le motivazioni erano già state anticipate da Borini nella consulta dei Capigruppo consiliari nel pomeriggio di venerdì scorso 1 agosto. Continua a leggere…

I Dirigenti dell’Assessorato all’Ambiente di Falconara M. alla Giunta comunale: o si massimizza la raccolta differenziata dei rifiuti oppure aumenteranno le spese per i cittadini! Il fallimento delle scelte di Brandoni e Astolfi nella gestione dei rifiuti è ufficiale! CiC/FBC: non si perda altro tempo e denaro e si passi subito alla raccolta porta a porta!

senza-ric-sindaco.jpg   download-1.jpg Con la Relazione del 28 gennaio scorso (Prot. n. 3423)  inviata al Sindaco di Falconara Marittima e agli Assessori all’Ambiente e al Bilancio, il Dirigente ed il Titolare dell’Unità Organizzativa dell’Assessorato all’Ambiente del Comune hanno evidenziato la necessità di “minimizzare il quantitativo di rifiuto indifferenziato da smaltire presso la discarica e di massimizzare la raccolta differenziata” al fine di limitare gli incrementi delle spese … inevitabilmente  a carico dei cittadini falconaresi!  

Infatti, dalla stessa Relazione si evince che la scarsa differenziazione dei rifiuti (49% invece del 65% di Legge) giocherà un altro brutto scherzo ai cittadini falconaresi: oltre all’attuale pagamento dell’intero tributo di 20€ + 4€ di addizionale per ogni tonnellata di rifiuto portato in discarica, si dovrà aggiungere l’aumento della tariffa per ogni tonnellata di rifiuti conferiti nella discarica di Maiolati e l’ulteriore indennizzo di 1€/t che - per i falconaresi - sarà più pesante poiché la politica dei rifiuti adottata dall’Amministrazione comunale differenzia poco e, dunque, le tonnellate di rifiuti portati in discarica sono considerevoli!

La cifra ammonterà a circa 16€ in più per ogni tonnellata di rifiuti portati in discarica che - per Falconara che ha fallito l’obiettivo di legge del 65% - porterà la spesa complessiva da 108 € a 124,72 € per ogni tonnellata! Continua a leggere…

<< Pagina PrecedentePagina Successiva >>