FALCONARA: DOPO LO SGOMBERO DELLA EX MONTEDISON, IL RITORNO, DOPO 24 ORE, DEI SENZA TETTO RUMENI. Analisi e proposte di FBC E CIC…in vista della commissione sicurezza di lunedì 31.03.2014

La presenza di senza dimora di nazionalità rumena a Falconara è un fenomeno ormai strutturale e non passeggero. La loro presenza, tra le 30 e le 60 persone, si registra almeno dal 2010. Di giorno si dedicano  all’accattonaggio nella nostra città e nelle città limitrofe (Falconara è il baricentro tra Ancona, Jesi e Senigallia). Di notte cercano riparo in luoghi di fortuna come l’area ad alto rischio ambientale della ex Montedison (è uno dei territori falconaresi che fa parte di uno dei 44 siti SIN - cioè di interesse nazionale per le bonifiche).

Nell’inverno 2011-12 sono stati protagonisti di un’accoglienza temporanea (15 giorni) per l’emergenza freddo e neve che il comune ha curato con alcune associazioni di volontariato.

Li abbiamo visti dormire alla Ex Montedison, anche con 50 cm di neve, con pericolo di crolli e in una zona altamente inquinata, li abbiamo visti fare accattonaggio nelle nostre strade, li abbiamo visti dormire sui cavalcavia per andare la mare in notti freddissime. Continua a leggere…

FALCONARA M.: quale futuro per la ex scuola Lorenzini di Villanova?

senza-ric-sindaco.jpgIeri, dopo 3 solleciti, dopo diversi comunicati stampa di protesta, è stata accolta la richiesta di convocazione delle Commissioni consiliari II^ e III^ firmata dalle Liste civiche FBC/CIC, PD e Lista civica Insieme per Mastrovincenzo.
Le Commissioni si riuniranno congiuntamete il 27.03.2014 alle ore 15,30 (sede comunale del Castello), in seduta pubblica.
La cosa strana e’ che le Commissioni sono state convocate il giorno dopo che le Associazioni sono state costrette a lasciare i locali.

Le associazioni firmatarie del progetto di recupero e utilizzo della ex scuola non sono state ufficialmente invitate alle Commissioni congiunte.
Staremo a vedere se ci sarà un vero dialogo oppure è tutto già deciso.
Conoscendo la situazione strutturale della ex scuola, il dialogo e la ricerca di collaborazione con le Associazioni doveva iniziare almeno 6 mesi prima dell’invio di una lettera con cui si invitava le Associazioni a lasciare i locali.
Con le Associazioni non si parla solo con lettera ne’ con i comunicati stampa, questo l’Assessore Astolfi dovrebbe saperlo!!!
Per non parlare del quartiere di Villanova che non e’ stato informato ne’ sentito per l’utilizzo di una struttura tanto importante per un quartiere molto provato, a cui la citta’ ha sempre chiesto molto e dato molto poco. Le oltre 300 firme raccolte dalle Associazioni a sostegno del progetto di recupero e utilizzo parlano chiaro!

Riccardo Borini - Consigliere comunale Liste civiche Falconara Bene Comune/Cittadini in Comune Continua a leggere…

FALCONARA M. - EX SCUOLA LORENZINI: braccio di ferro Comune ed Associazioni! Non c’e’ più sordo di chi non vuol sentire!

senza-ric-sindaco.jpg

Da domenica 16 marzo diverse Associazioni di volontariato hanno dovuto abbandonare la loro sede presso l’edifico comunale Lorenzini di Villanova senza avere nessuna alternativa. Ma la cosa grave e’ che l’Amministrazione comunale non ha dialogato con esse e non ha preso in seria considerazione un progetto autogestito  che:

- avrebbe valorizzato quella sede in un quartiere bisognoso di iniziative culturali e sociali, Continua a leggere…

Ex Lorenzini, Falconara M: perchè dopo 38 giorni dalla richiesta non vengono convocate le Commissioni Patrimonio e Cultura? Ennesimo sollecito del Consigliere Borini!

senza-ric-sindaco.jpgIl Consigliere comunale delle Liste civiche CiC e FBC - Riccardo Borini - ha sollecitato ancora una volta la convocazione congiunta delle Commissioni consiliari II^ e III^ (Cultura e Patrimonio) sulla problematica dell’ex scuola Lorenzini nel quartiere Villanova. La prima istanza di convocazione è stata inoltrata il 3 febbraio 2014 al Presidente del Consiglio comunale e ai Presidenti delle Commissioni e firmata da CiC/FBC, dal Partito Democratico e dalla Lista civica Insieme per Mastrovincenzo.

In data 24 febbraio 2014 il Consigliere CiC/FBC ha sollecitato la convocazione delle Commissioni ma, a tutt’oggi e dopo 38 giorni, non c’è ancora stato alcun riscontro alla richiesta.

Riccardo Borini ritiene inspiegabile il comportamento dei Presidenti delle Commissioni Ivano Astolfi e Valentina Barchiesi e ha chiesto la motivazione scritta di un eventuale rifiuto alla convocazione. Continua a leggere…

Ex scuola Lorenzini: Borini chiede nuovamente la convocazione delle Commissioni Cultura e Patrimonio. “E’ un’emergenza culturale e sociale. L’Amministrazione comunale deve impedire il degrado!”

Il Consigliere comunale delle Liste civiche CiC e FBC - Riccardo Borini - ha sollecitato la convocazione congiunta delle Commissioni consiliari II^ e III^ (Cultura e Patrimonio) sulla problematica dell’ex scuola Lorenzini nel quartiere Villanova. La prima istanza di convocazione inoltrata da CiC/FBC, dal Partito Democratico e dalla Lista civica Insieme per Mastrovincenzo al Presidente del Consiglio comunale e ai Presidenti delle Commissioni risale al 3 febbraio scorso ma non c’è ancora stato alcun riscontro alla richiesta. Riccardo Borini ritiene che i Consiglieri comunali devono:

Ø      conoscere il dettaglio delle problematiche dell’inagibilità dell’edificio delle Lorenzini di Villanova;

Ø      conoscere le valutazioni degli Assessorati competenti per il patrimonio e la cultura dato che la chiusura della struttura è, innanzitutto, una emergenza culturale e sociale; Continua a leggere…

Comuni e partecipazione dei cittadini: a Falconara a che punto siamo? Regole nuove per una Amministrazione condivisa. Nuova sussidiarietà tra cittadini e Amministrazioni comunali

senza-ric-sindaco.jpg altan

A Bologna è stato presentato il primo Regolamento comunale sull’Amministrazione condivisa per la cura dei beni comuni urbani, realizzato partendo dai problemi concreti individuati dai cittadini.
Il testo è la prima “traduzione” mai realizzata in Italia del principio costituzionale di sussidiarietà (l’articolo 118) in norme di livello amministrativo che gli enti locali potranno utilizzare per instaurare rapporti di collaborazione con i cittadini.
Obiettivo? Curare i beni comuni del territorio e facilitare l’impegno di chi vuole rimboccarsi le maniche dando il proprio contributo.
Da oggi il testo del Regolamento è disponibile per tutti i Comuni italiani sul sito www.labsus.org,

I Comuni potranno utilizzarlo adattandolo ed integrandolo secondo le loro esigenze.
http://www.sassuolo2000.it/2014/02/20/regole-nuove-in-comune-per-una-amministrazione-condivisa-sabato-in-salaborsa-a-bologna/
Ci vengono subito in mente alcune PROPOSTE per il Comune di Falconara:
1.Intanto facciamo funzionare bene gli organi di partecipazione previsti dalla normativa e dallo Statuto comunale (Consulte, tavoli di concertazione, gruppi di lavoro).
2. Mettiamoci in ascolto della cittadinanza nei quartieri, non solo per individuare i bisogni ma anche per attivare e stimolare l’apporto di tutti. Ci sono tante competenze e potenzialità nascoste da valorizzare. (vedi nostra proposta dell’operatore sociale di quartiere anche per la sicurezza urbana).
3. Sperimentiamo la proposta che arriva dal Comune di Bologna della AMMINISTRAZIONE CONDIVISA per curare i beni comuni del territorio.
Falconara Marittima, dove la partecipazione è un oggetto “misterioso”, non identificato, ne ha un gran bisogno.

Alcuni esempi?
- dopo 8 mesi del secondo mandato del Sindaco Brandoni non è stata convocata nessuna Consulta e nessuno luogo di confronto strutturato con i cittadini;
- l’Amministrazione comunale aspetta che tutti i cittadini partecipino direttamente alle riunioni del Consiglio comunale e delle Commissioni (a volte in orari proibitivi per i più);
- sembrano avere spazio solo le Associazioni “amiche” dell’Amministrazione e le altre Associazioni che non si allineano vengono trattate a “pesci in faccia” perché magari troppo critiche e propositive rispetto alle politiche;
- i tavoli di concertazione previsti dalla normativa regionale per la pianificazione delle politiche sociali, educative, socio-sanitarie, dopo 8 mesi, non sono stati ancora convocati (vedi Ambito Territoriale Sociale 12 comune capofila Falconara)
- molte iniziative promosse dai cittadini “vengono catturate” dall’Amministrazione e presentate con abilità come proprie o come pensate e promosse dal Comune;
- i Comitati di quartiere sono “frenati” anzichè valorizzati, specie se non nascono su input dell’Amministrazione o da persone amiche dell’Amministrazione.
- non si ha una visione della partecipazione dei cittadini e tanto meno la si struttura in maniera adeguata creando sinergie importanti per recuperare il senso civico e il senso di appartenenza alla città e per individuare soluzioni condivise ai bisogni del territorio. Continua a leggere…

<< Pagina PrecedentePagina Successiva >>