CONSIGLIO COMUNALE: 2ODG E 1MOZIONE DI CiC APPROVATI!

Scritto il 17 Novembre 2008 
Pubblicato su Consigli Comunali

note da commissione del 17 ottobre 2008Nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale  – 14 Novembre 2008 – sono stati approvati dal Consiglio 2 Ordini del Giorno ed 1 Mozione presentati da Cittadini in Comune.

L’OdG relativo alla certezza della localizzazione della Fiera presso la zona a ridosso di Castelferretti che la Giunta Recanatini, di fatto, alienò alla Società Quadrilatero SpA
(leggi il testo in pdf) è stato approvato con il solo voto del Capogruppo della Lista Civile e l’astensione di PdL, UdC e di PD.

La necessità dell’odg è nata dal fatto che negli ultimi mesi è emersa una grossa confusione rispetto al trasferimento della Fiera di Ancona nella zona denominata Area Leader a ridosso tra aeroporto e casello autostradale: ognuno degli attori interessati ha espresso opinioni e desideri che, però, all’indomani della creazione della S.p.A. di gestione delle Fiere marchigiane (29 Ottobre scorso) non sono stati pianificati in un progetto industriale che rassicuri Falconara.

Sono indicative le parole dell’Assessore al Turismo del Comune di Pesaro (il Comune con la più ampia superficie espositiva delle Marche): “Non abbiamo ancora discusso dei contenuti (ndr.: nella nuova S.p.A. di gestione) sarà una partita complicatissima considerando che già ora le posizioni sono cento e passa“!.

Questa situazione estremamente confusa dovrebbe allarmare i fautori di quello sciagurato accordo del Comune di Falconara con Regione e Società Quadrilatero che, di sicuro, toglierà circa 9 milioni di Euro di ICI e oneri che Falconara avrebbe incassato nel corso degli anni.

A rischio è quanto promesso per quell’accordo che permette alla Società Quadrilatero di reperire denaro per la costruzione di strade tra le Marche e l’Umbria:

A) un centro fieristico-congressuale;
B) un centro direzionale-commerciale;
C) un centro alberghiero;
D) servizi aeroportuali.

Molti osservatori danno per probabile uno scenario di questo tipo, estremamente penalizzante per Falconara e “traditore” rispetto al Progetto previsto: la “testa” del polo unico, ovvero il centro direzionale e uffici, nell’area progetto vicino all’aeroporto di Falconara; il “cuore”, e cioè le eccellenze espositive regionali a Pesaro, forte già di 40.000 metri quadri e di grossi investimenti. E la Fiera della Pesca… rimane ad Ancona!

Pertanto, sottolineiamo che, a differenza delle mozioni bipartizan approvate da PdL, UdC e PD (sulle quali ci siamo astenuti), l’odg di Cittadini in Comune esprime la necessità che l’Amministrazione Comunale si attivi immediatamente nei confronti della Regione Marche e del Gruppo Tecnico coordinato dall’Assessore regionale Gianni Giaccaglia per:

Il secondo odg riguardava gli interventi previsti dal Piano di Risanamento per l’Area ad Alto Rischio di Crisi Ambientale che riteniamo insufficienti sia per Falconara che per i quartieri più degradati di Villanova, Fiumesino e Rocca Priora (leggi il testo in pdf).

E’ stato votato favorevolmente da tutti i Consiglieri che hanno colto, per Falconara, la discrepanza tra Obbiettivi e Linee di Azione rispetto agli Interventi individuati dal Piano di Risanamento.

Oltre alla mancata individuazione di problematiche ambientali tutt’ora pesantemente lesive della qualità della vita dei cittadini (forte inquinamento acustico dello scalo merci ferroviario presente nelle Prime Linee del Piano di Risanamento e poi, inspiegabilmente, scomparso dal Piano stesso!) è stata colta l’opportunità di inserire negli Interventi di Risanamento da effettuare la sistemazione di tratti di spiaggia che si stanno degradando anno dopo anno ed il possibile recupero del patrimonio pubblico e culturale che, nella nostra città, sta rischiando un decadimento definitivo.

Il terzo odg approvato (leggi il testo in pdf) con il voto favorevole di tutti i Consiglieri Comunali (una sola astensione) riguarda l’interferenza del progetto del by pass ferroviario con il sofisticato e indispensabile sistema del cosiddetto “atterraggio strumentale” degli aerei presso l’aeroporto R. Sanzio.

Tutto nasce dalla Relazione Tecnica della Società di Consulenza aeroportuale e del Controllo del Traffico Aereo “Pindaro S.r.l.” che i Comitati di quartiere falconaresi hanno commissionato alla Pindaro ed inviato ai Ministeri, Regione e Comune fin dal Giugno 2005.

Quella Relazione dice chiaramente che ci potrebbe essere una pericolosa interferenza tra gli apparati ferroviari e il sistema aeroportuale tanto da determinare necessarie, future “limitazioni che ne deriveranno per l’aeroporto per effetto dell’adozione di determinati provvedimenti , dei possibili ritorni negativi per le attività aeronautiche che si svolgono sullo scalo“.

Insomma, si prefigurerebbe un danno anche economico per la necessaria limitazione dei voli passeggeri e cargo!

Dunque con la Mozione abbiamo chiesto che l’Amministrazione Comunale, quale socio di Aerdorica S.p.A.

Commenti

Rispondi

You must be logged in to post a comment.