Guai a negare la libertà di espressione!

Scritto il 12 Luglio 2008 
Pubblicato su Comunicati Lista Cittadini

espressione-negataHo appreso, con sconcerto, che l’Amministrazione comunale avrebbe negato la possibilità ai ragazzi dei centri sociali di effettuare un volantinaggio in piazza Mazzini, lunedì prossimo, per pubblicizzare il prossimo raduno Falkatraz, il cui inizio è previsto per sabato 19 luglio. Ricordo al Sindaco che l’uso degli spazi pubblici per attività di libera informazione E’ UN ATTO DOVUTO per il quale non è prevista alcuna autorizzazione.
E’ sufficiente una semplice comunicazione per verificare il non sovrapporsi di iniziative od eventi
.

Pertanto sostengo personalmente l’iniziativa dei centri sociali di “disobbedire” ad un atto di ingiustizia ed invito il sindaco Brandoni a rileggersi (o a leggere se non lo avesse ancora fatto) l’Antigone, riflettendo sul valore dei principi posti a fondamento della umana convivenza.

Capirà allora, Brandoni, perchè nonostante la repulsione totale che provo per ogni atteggiamento razzista, sia stato capace di tacere, in veste di candidato sindaco, di fronte alle promesse di pulizia etnica evocate dal leader locale di Forza Nuova, Gladi. Di come sia stato, e sono ancora oggi, d’accordo nel farlo parlare. Perchè la libertà di parola e di pensiero è un valore sacro della democrazia, anche quando costituisce un pericolo per la democrazia stessa. E questo valore, caro Brandoni, o lo si fa valere o lo si nega. Inutile nascondersi dietro le “regole” come con il regolamento sugli spettacoli in relazione all’inquinamento acustico. Sappiamo bene che un centro sociale non può essere oggetto di una normativa speciale alla stregua delle attività di spettacolo in spiaggia, ma sappiamo anche che, alla pari dei luoghi individuati per le manifestazioni pubbliche, anche il festival “Falkatraz” ha diritto ad una deroga in quanto manifestazione estiva, a prescindere dal fatto che chi lo organizza sia più o meno simpatico al Sindaco.

Caro Sindaco, la gente di Falconara è pigra, è assente, ma alla democrazia in fondo in fondo ci tiene e ama potersi esprimere. Magari poi non lo fa, ma ci tiene alla possibilità di farlo. Guai a negare questa possibilità! Guai a negare la libertà di espressione: ciò potrebbe risvegliare il drago che dorme, ed è lo stesso drago che, senza neanche accorgersene, con un leggero colpo di coda ha mandato a casa quel centro-sinistra che ha malgovernato la città…

Carlo Brunelli

Commenti

Un Commento a “Guai a negare la libertà di espressione!”

  1. claudio il 13 Luglio 2008 12:52

    Nessuna meraviglia per l’atteggiamento della giunta comunale. E’ una giunta di destra quindi tende a limitare la libertà e a censurare chi la pensa in maniera diversa.
    Oggi i centri sociali, domani gli immigrati, e via di seguito.
    L’opposizione deve essere forte e continua.
    NON UN PASSO INDIETRO.

    La mia totale solidarietà ai ragazzi del Kontatto.
    Claudio Paolinelli

Rispondi

You must be logged in to post a comment.