Roberto Cenci

Scritto il 4 Maggio 2013 
Pubblicato su Comunicati Lista Cittadini

Roberto Cenci

Roberto Cenci

Commenti

Un Commento a “Roberto Cenci”

  1. Staff CiC il 5 Maggio 2013 09:33

    Roberto Cenci:
    ho 42 anni e risiedo nel Comune di Falconara
    praticamente da sempre. Sono diplomato in elettrotecnica e lavoro presso un’azienda di telecomunicazioni con mansione di impiegato tecnico. Da 23 anni vivo con Annalisa, mia moglie,
    insieme alla quale ho tutt’ora la fortuna di poter crescere e accompagnare alla vita i nostri tre figli. Sono un donatore AVIS, e dal 2008 ho iniziato a interessarmi ai movimenti civici presenti nella nostra città, deluso dall’incapacità dei partiti di portare avanti partecipazione dal basso e interessato a capire come stavano realmente le cose a livello ambientale e sanitario. Da allora ho contribuito nel mio piccolo a percorsi civici d’informazione e di partecipazione sostenendo, come meglio ho potuto e con tutti i miei limiti, gli approfondimenti e le azioni dei Comitati di quartiere, dell’Ondaverde ONLUS e di chiunque altro si impegnasse su quelle tematiche, da ben prima di me. L’ho fatto sempre ricercando una funzione di stimolo verso le istituzioni, anche sovra comunali da qualunque parte politica fossero
    rappresentate. In questi ultimi cinque anni la mia vita per la città è quindi profondamente cambiata,
    spero di aver imparato a riconoscere la bontà di un’idea anche se proveniente da una persona a
    me diversa. Mi ricandido con la Lista civica Cittadini in Comune, stavolta a sostegno di un progetto civico più partecipato e plurale che ho contribuito a far nascere insieme a molte altre persone, Falconara Bene Comune. Vorrei Riccardo Borini riuscisse ad andare al ballottaggio e poi a vincere le elezioni perché conosco la capacità propositiva di questo laboratorio civico e non vorrei più dover rincorrere amministrazioni di centro sinistra o centro destra, pilotate da segreterie di partito regionali e dai forti interessi privati che da sempre spremono, questo nostro territorio. Credo in questo progetto di partecipazione non solo perché è radicato, realmente civico e indipendente, ma perché è orizzontale. Le elezioni comunali sono un’opportunità di cambiamento, non un punto di
    arrivo, bensì il proseguimento di un percorso di responsabilità civica che parte da lontano. Vorrei
    queste elezioni ci consentissero ora di proseguire con un nuovo capitolo.

Rispondi




Please leave these two fields as-is: