Commissione consiliare sulla Sicurezza: la Consigliera di FBC/CiC Lara Polita stigmatizza il silenzio dell’Assessore alle Pari Opportunità, Stefania Signorini, sulla vicenda del volgare e allusivo linguaggio cameratesco usato all’interno del comando della Polizia Municipale! “Promuove condivisibili iniziative a favore delle donne, ma in questa squallida vicenda ha evitato di prendere qualsiasi posizione a tutela della dignità delle donne”!

senza-ric-sindaco.jpgLa Commissione consiliare sulla Sicurezza svoltasi martedì 16 febbraio, si è svolta per l’ennesima volta con la consegna nello stesso giorno della seduta della documentazione necessaria ad affrontare le problematiche all’ordine del giorno. Con questa reiterata modalità i Consiglieri comunali non possono capire, valutare e fare osservazioni sulle problematiche in discussione. La Consigliera comunale delle liste civiche FBC/CiC - LARA POLITA - aveva inviato la richiesta scritta per ricevere la documentazione necessaria in questa occasione, materiale chiesto anche in occasione della precedente Commissione svoltasi il 7 gennaio scorso. NIENTE! “La maggioranza che sostiene l’Amministrazione comunale del Sindaco Brandoni continua a distinguersi per la mancanza di rispetto e per gli ostacoli frapposti al compito che i Consiglieri devono svolgere per la comunità, arrivando persino a giustificarsi con una presunta consuetudine che non trova alcun riscontro nel Regolamento del Consiglio comunale“, ha dichiarato LARA POLITA.

Argomenti ed osservazioni della Consigliera LARA POLITA:

1)      Videosorveglianza: il posizionamento e le caratteristiche delle nuove telecamere, essendo quasi tutte di rilevamento targhe ed posizionate in entrata ed uscita dalla città, non risultano utili contro atti di vandalismo, anche perché i responsabili, fino ad oggi mai individuati (ad esempio nei casi di intrusione nelle scuole), sono molto probabilmente della zona. Continua a leggere…

Falconara M.: l’inquinamento da TETRACLOROETILENE e MANGANESE riscontrato nella falda acquifera dell’area pubblica ex Antonelli potrebbe essere migrato verso le zone abitate. Regione Marche e ARPA Marche non hanno ancora eseguito l’Analisi di Rischio. Il Sindaco di Falconara chiude l’area 2 mesi dopo che il rischio per la salute pubblica si è palesato!

senza-ric-sindaco.jpgQuello di realmente preoccupante che è emerso dalla Commissione consiliare Ambiente del Comune di Falconara M. è che oltre all’inquinamento da idrocarburi di suolo e sottosuolo, nell’area pubblica ex Antonelli l’inquinamento riscontrato nella falda acquifera potrebbe essere migrato fuori dall’area, verso le zone abitate.

LARA POLITA, Consigliera comunale delle liste civiche FBC e CiC che ha espresso e fatto mettere a verbale numerose osservazioni e quesiti, sintetizza che “Di sicuro c’è una connessione tra acque di falda dell’area pubblica ex Antonelli e quelle della confinante area di proprietà di RFI (ndr: sottopasso via Monti e Tognetti) dato che in ambedue è stato trovato il metallo pesante MANGANESE. Tra l’altro sembra che dal febbraio 2014 RFI SpA non abbia ancora prodotto la documentazione relativa alle indagini di caratterizzazione dell’area di sua proprietà chiesta dal Ministero dell’Ambiente! Inoltre, a mia precisa osservazione, i Tecnici comunali che seguono la problematica con il Ministero dell’Ambiente, non hanno escluso che ci possa essere una connessione anche con gli inquinanti presenti nell’area di proprietà di API raffineria“.

Lara Polita ha aggiunto:Il fatto che nelle acque di falda dell’area pubblica sia stato trovato anche TETRACLOROETILENE ci preoccupa moltissimo poiché è un idrocarburo clorurato alifatico classificato dalla IARC di Lione come agente cancerogeno di classe 2A (probabilmente cancerogeno per l’uomo) e riteniamo che non ci sia tempo da perdere per capire se la contaminazione attraverso le acque di falda possa avere interessato le zone abitate”. Continua a leggere…

Falconara Marittima: sull’inquinamento dell’area della ex caserma U. Saracini, FBC/CiC hanno chieso l’URGENTE convocazione della Commissione Ambiente. La sprezzante scelta dell’Amministrazione comunale di non informare i Consiglieri comunali non fermerà l’azione di FBC/CiC! Ecco le nostre domande (forse) scomode!

senza-ric-sindaco.jpgLe liste civiche Falconara Bene Comune e Cittadini in Comune hanno chiesto l’URGENTE CONVOCAZIONE della Commissione consiliare Ambiente a seguito della notizia appresa dagli Organi di Informazione riguardo l’inquinamento riscontrato nell’area della ex Caserma U. Saracini.

L’apprendimento della notizia dalla Stampa locale piuttosto che a seguito di una comunicazione e valutazione in sede di Commissione consiliare Ambiente, sottolinea il disprezzo dell’Amministrazione comunale verso una corretta prassi istituzionale che, tra l’altro, non avrebbe precluso in alcun modo anche la contemporanea comunicazione verso gli Organi di Informazione.

Evidenziamo ai cittadini quanto sia stridente quella comunicazione “precoce” dei dati dell’inquinamento della ex Caserma da parte dell’Amministrazione comunale dal momento che essa stessa fa attendere i Consiglieri comunali anche oltre 30 giorni prima di consegnare loro documenti inerenti qualsiasi attività di Giunta chiesti legittimamente con l’accesso agli atti previsto dalla Legge! Continua a leggere…

Falconara M.: il Presidente della Commissione consiliare Sicurezza ha presentato i dati dell’attività svolta dalla Polizia Municipale nel 2015 senza la documentazione necessaria per un confronto con i dati degli anni precedenti! Il commento della Consigliera FBC/CiC, LARA POLITA.

senza-ric-sindaco.jpgschermata-2014-04-29-alle-163257-copia-copia.pngGiovedì 07 gennaio 2016 la neo Consigliera comunale delle liste civiche FBC/CiC, LARA POLITA, (anche se non ancora ufficialmente insediata) ha partecipato ai lavori della Commissione consiliare V^ (Sicurezza) presieduta dal Consigliere di maggioranza Cipolletti il quale ha presentato i dati dell’attività svolta dalla Polizia Municipale di Falconara Marittima nel 2015.

Ecco alcune valutazioni di LARA al termine della Commissione:Per avere un quadro più completo, ho chiesto di poter avere un raffronto con i dati dell’attività della Polizia Municipale almeno del 2014, ma non ho ricevuto risposta. Anche la Consigliera di maggioranza AL DIRY era d’accordo con me per il raffronto con almeno l’anno precedente, ma non è bastato per ottenere quei dati!

Inoltre ho posto le seguenti due domande: Continua a leggere…

Conferenza stampa delle liste civiche Falconara Bene Comune e Cittadini in Comune: ARGOMENTI E CIFRE DI UN IMPEGNO PER AFFERMARE LA DEMOCRAZIA DIRETTA E LA PARTECIPAZIONE!

senza-ric-sindaco.jpg2016-01-04_114906.jpg img-20160102-wa0004.jpg Conferenza Stampa delle liste civiche FBC e CIC per presentare le attività 2015, per analizzare criticità e proposte per il 2016 e per presentare il nuovo consigliere comunale delle liste civiche FBC E CIC, LARA POLITA (45 anni, laureata in economia e commercio, dipendente della LEGAUTONOMIE che è un’associazione di comuni, province, regioni, comunità montane, costituitasi nel 1916 e da sempre impegnata per la crescita democratica e civile del Paese attraverso un processo di rinnovamento istituzionale fondato sulla valorizzazione delle amministrazioni locali e regionali).

Riteniamo molto importante pubblicare questi dati come segno di trasparenza e di responsabilità nei confronti di ci ha dato fiducia e nei confronti dell’intera città.

Gli indicatori più significativi del nostro lavoro in Consiglio comunale sono i seguenti: Continua a leggere…

FALCONARA M.: lo stipendio a rischio degli Operatori della Cooperativa AGORA’ è una delle conseguenze del pessimo appalto al ribasso del Centro Socio-Sanitario di via Marsala! CiC lo denunciò già nel 2010 ed il Consigliere Borini sta incalzando da mesi la Giunta Brandoni, i cui Assessori sono TUTTI responsabili di aver pianificato le condizioni che stanno producendo la drammatica situazione odierna!

senza-ric-sindaco.jpgQuesta odierna è la classica situazione di sottovalutazione “colpevole” di un’Amministrazione comunale - 1^ Giunta Brandoni (TUTTI GLI ASSESSORI, NESSUNO ESCLUSO!) che ha fatto una gara  di appalto (bando del 2010) al massimo ribasso, con un obbligo per la Cooperativa vincitrice di dare 145.000 euro all’anno al Comune come canone di concessione per gestire i servizi fino a dicembre 2021. Alla Gara non parteciparono altre cooperative al di fuori dell’AGORA’ perché - molto probabilmente - non c’erano i margini necessari per una congrua gestione!

Quando il primo obiettivo è il contenimento delle spesa, la qualità del servizio salta. Il conto, è chiaro, lo pagano i dipendenti, gli utenti e le loro famiglie. Immaginatevi in un lavoro di relazione con i disabili quanto pesa questa situazione di “sfruttamento” dei lavoratori.

Siamo costretti a specificare alcune date e alcuni passaggi di cui il Consigliere comunale di FBC/CiC - Riccardo Borini - è stato testimone: Continua a leggere…

<< Pagina PrecedentePagina Successiva >>