Miglioramento dello stato dell’acqua nel braccio di mare antistante Falconara Marittima: le civiche FBC/CiC presentano la MOZIONE che tutti i Capigruppo di maggioranza e opposizione hanno rifiutato di discutere nel Consiglio comunale “aperto” del 31 agosto!

senza-ric-sindaco.jpgLa MOZIONE per il miglioramento dello stato dell’acqua nel braccio di mare antistante Falconara Marittima che il Consigliere Riccardo Borini ha depositato nei giorni scorsi, è la stessa che nel corso del cosiddetto Consiglio comunale aperto del 31 agosto 2015 i capigruppo di maggioranza (Baia Raimondo di Uniti per Falconara - Cipolletti Romolo di Falconara in Movimento - Donati Piero di Ridisegnare Falconara - Al Diry Yasmin di Insieme Civico per Falconara) e di minoranza (Franco Federici del Partito Democratico -  Carmelino Proto di Insieme per Mastrovincenzo) hanno concordemente rifiutato di discutere e votare.

La MOZIONE impegna il Sindaco e la Giunta Comunale

1)  a  chiedere,  in  base  all’art.  9  e  all’art.  11  della  Statuto  dell’Autorità  d’Ambito,  la
convocazione  dell’Assemblea  dell’Autorità  d’Ambito  Territoriale  Ottimale  2  al  fine
proporre l’aggiornamento del programma di interventi e del relativo piano finanziario;

2)  a  chiedere  l’intervento  della  Presidenza  della  Regione  Marche  e  dell’Assessorato
all’Ambiente  nella  stessa  assise  dell’Assemblea  al  fine  di  aprire  il  confronto  anche  sul
reperimento delle risorse finanziare per affrontare la problematica con interventi a breve
termine e a medio termine.

3)  Ad  elaborare  in  forma  partecipata  -  con  le  associazioni  degli  operatori  balneari  e  le
associazioni  di  cittadini  all’interno  della  Commissione  consiliare  preposta  -  le  proposte
che  il  rappresentante  del  Comune  di  Falconara  Marittima  dovrà  sottoporre  alle
valutazioni dell’Assemblea dell’AATO.

4)  A curare la puntuale informazione,  all’interno della Commissione consiliare preposta  e in
Consiglio Comunale, attraverso le relazioni  del  rappresentante del Comune di Falconara Marittima in seno
all’Assemblea  dell’AATO  riguardanti  proposte,  progetti,  STRATEGIE  DI  INTERVENTO  e
CRONOPROGRAMMA DEGLI INTERVENTI dell’Autorità. 
Continua a leggere…

Ecco fin dove arriva l’attenzione del Sindaco di Falconara Marittima per la salute dei cittadini e le attività economiche messe in ginocchio dagli scarichi fognari in mare! Ad aprile 2014 nessuno della sua Amministrazione partecipò all’assemblea AATO che tagliò le opere programmate … Fu delegato a rappresentare Falconara un Assessore del Comune di Jesi!

senza-ric-sindaco.jpg

Ecco fin dove arriva l’attenzione del Sindaco di Falconara Marittima per la salute dei cittadini e le attività economiche messe in ginocchio dagli scarichi fognari in mare!

All’assemblea dell’Autorità d’Ambito Territoriale Ottimale (AATO) del 23 aprile 2014 non vi si recò Lui stesso, né delegò a rappresentare il Comune di Falconara M. un tecnico o un amministratore della Giunta. Delegò a rappresentare il Comune di Falconara l’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Jesi - Geom. Sergio Garofalo - il quale approvò la delibera che ridimensionò le Strategie di Intervento e il Cronoprogramma degli Investimenti rispetto al 2013. Ecco la copia con i delegati:
Continua a leggere…

FALCONARA. SCOLMATORI A MARE: Non si può perdere altro tempo. Occorre programmare ciò che serve veramente. I cittadini vanno costantemente informati e coinvolti.

senza-ric-sindaco.jpgLe proposte di intervento delle liste civiche FBC/CiC partono dal presupposto che la spiaggia ed il mare di fronte a Falconara Marittima valgono quanto nel resto delle Marche. Se Regione e Comune di Falconara convengono su questo assunto, allora - fuor di polemica - si deve ripartire da ciò che si erano impegnati a fare, non hanno fatto e, pertanto, dovrà essere finalmente realizzato! Nel 2005 il Piano di Risanamento dell’Area ad Elevato Rischio di Crisi Ambientale prevedeva il “miglioramento dello stato del mare di fronte a Falconara M.” ed il “recupero ed utilizzo delle acque meteoriche“. Dunque è necessario un intervento da realizzare nel breve periodo (max 2 anni) ed uno per il medio periodo (10 anni).

L’intervento a breve per ridurre le probabilità che si verifichino versamenti di liquami in mare riguarda o le vasche volano come quella realizzata sotto la spiaggia di Palombina Vecchia, oppure le vasche di prima pioggia da realizzare a monte della spiaggia. Con quest’ultima soluzione si sottrarrebbero quantitativi di acqua piovana altrimenti destinati in direzione zona bassa di Falconara e, in parte, si separerebbero le acque meteoriche da quelle scure.

cic.jpgFino ad oggi la Pianificazione post 2014 degli interventi dell’Autorità d’Ambito Territoriale Ottimale prevede solo un’altra vasca volano nei pressi del cavalcavia dopo la stazione ferroviaria (costo 2Milioni/€) ma ne servirebbero almeno altre 2 oppure 4 a monte per tutelare un po’ di più salute, ambiente e investimenti economici! FBC/CiC proporranno di eliminare dalle previsioni della Pianificazione post 2014 dell’AATO le opere per l’allontanamento degli scarichi di acque reflue urbane al largo delle scogliere poiché i liquami sarebbero ritrasportati a riva dalle correnti. Dunque, di quei soldi (15 Milioni per Ancona, Falconara, Montemarciano e Senigallia) almeno i circa 4 Milioni/€ per Falconara devono essere utilizzati per costruire o le vasche volano in spiaggia oppure vasche di prima pioggia a monte. Poi, a medio termine, l’intervento deve riguardare la separazione delle acque chiare e delle acque scure. Ma una cosa deve essere chiara: il Comune di Falconara M. deve fare in modo che la Regione Marche consideri irrinunciabili (anche in termini di impegno economico) gli interventi a breve su Falconara. E su questo aspetto è necessaria una città unita! Ecco perchè FBC e CiC ritengono che il Sindaco la deve smettere di dividere la città con riunioni a porte chiuse, presunti segreti riservati a pochi ed esclusione dei cittadini/utenti dalla partecipazione alla risoluzione della problematica. Ogni cittadino di Falconara ama il mare, la spiaggia e la considera una ricchezza e, pertanto, deve essere messo nella condizione di partecipare sempre, non solo a giochi fatti come spesso succede con questa Amministrazione comunale di Falconara!   Continua a leggere…

FALCONARA: VERSAMENTI DEI LIQUAMI IN MARE E PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI

senza-ric-sindaco.jpgRispetto al grave problema degli sversamenti in mare vorrei riepilogare alcuni date e alcuni fatti.

In due anni non è stata mai convocata una commissione consiliare sugli sversamenti in mare.

Un gruppo di cittadini falconaresi dopo essersi incontrati in un assemblea pubblica autoconvocata dal Gruppo Fb Scarichi fognari in mare a Falconara Marittima, nel luglio 2014 ha presentato al Sindaco e ai Consiglieri un documento di analisi e proposte sugli sversamenti in mare che è  rimasto nei cassetti degli uffici comunali. Il medesimo documento è stato poi ripresentato a gennaio 2015 da una rappresentanza di associazioni ambientaliste e operatori balneari, e ancora una volta rimasto nei cassetti degli uffici comunali. Continua a leggere…

Falconara Marittima: ANCORA VERSAMENTI DI LIQUAMI IN MARE! IL SINDACO INTERVENGA IMMEDIATAMENTE!

senza-ric-sindaco.jpgQuello che è successo ieri sera in spiaggia è sotto gli occhi di tutti (grazie alla documentazione fotografica di molti 11828590_10206145208302327_845150795506493094_n.jpgcittadini): pochi minuti di pioggia hanno causato, per l’ennesima volta, uno spropositato versamento di liquami in mare, segno che il problema è GRAVISSIMO.

Siamo stanchi del solito “scarica barile” tra Enti e responsabilità varie.

Il Sindaco nel Consiglio comunale del 29.07.2015 “prende atto” (un po’ pochino!) che Multiservizi SpA fino al 2017 non può intervenire. Continua a leggere…

Antenna telefonia Falconara M.: FBC/CiC non sono manipolabili! Le dichiarazioni del nostro Consigliere comunale Riccardo Borini in merito alla Commisione consiliare del 30 luglio scorso!

senza-ric-sindaco.jpgPER LA COMMISIONE TENUTASI IL 30.07.2015 RIBADISCO UNA VOLTA PER TUTTE CHE:

images90du969s.jpg1. IL PARERE DEI CONSIGLIERI NON ERA VINCOLANTE.

2. NON E’ SCRITTO DA NESSUNA PARTE CHE CI VOLEVA L’UNANIMITA’ DEI PARERI PER FARE L’ANTENNA IN VIA GALILEI. Continua a leggere…

<< Pagina PrecedentePagina Successiva >>