L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI FALCONARA NON HA CHIESTO L’INSTALLAZIONE DI UNA CENTRALINA DI RILEVAMENTO DELLA QUALITA’ DELL’ARIA A CASTELFERRETTI! LARA POLITA SMENTISCE LA RISPOSTA DELL’ASSESSORE ALL’AMBIENTE! L’unica richiesta della centralina per Castelferretti è stata formulata dalle associazioni dei cittadini falconaresi alla Regione Marche.

senza-ric-sindaco.jpgA seguito di quanto emerso nel Consiglio Comunale del 5 aprile 2017 Lara Polita ha dichiarato:
con molta umiltà cerco di svolgere al meglio il mio ruolo di Consigliere Comunale, intento che provo a perseguire ascoltando con molta attenzione anche gli interventi degli altri Consiglieri e ancor più in particolare le risposte dell’Amministrazione. Mi ha colpito ad esempio un passaggio contenuto nella risposta ricevuta dal Consigliere Giacchetta su sua interrogazione presentata per accertare la provenienza degli odori molesti che imperversano a Falconara e Castelferretti. Giacchetta nello specifico chiedeva di sapere a quando risalisse l’ultima richiesta del Comune di Falconara per l’ottenimento di una centralina mobile per la rilevazione della qualità dell’aria a Castelferretti.
Nella risposta l’Amministrazione comunale specificava di aver avanzato tale richiesta in più occasioni e fra i documenti a sostegno di tale affermazione ha indicato anche il prot. n°12992 del 03/04/2015 e il prot. n° 33891 del 20/09/2016 che pubblichiamo
( Nota 2015 Nota 2016 ) . Ho quindi effettuato una richiesta di accesso agli atti e posso dichiarare con certezza che i due documenti citati non contengono richiesta di implementazione di una centralina a Castelferretti.

Stigmatizziamo anche la seguente osservazione tecnica dell’Assessore Astolfi nella nota del 2015:

cagata-astolfi.JPG Continua a leggere…

Ecco il Piano di Emergenza per il rischio industriale della Prefettura di Bergamo che testimonia la bontà dell’Ordine del Giorno della Consigliera comunale di FBC/CiC! Sindaco, Assessori, Consiglieri di maggioranza e del Partito Democratico ne ignorano l’esistenza e si votano un Ordine del Giorno confuso e che evita di nominare le aziende Bufarini, Casali e SEA! Lara Polita: “Ci dissociamo dall’ignoranza e dalla cattiva volontà! Votatevi pure il vostro Odg di facciata e prendetevi le vostre responsabilità, fino al prossimo incidente!”

senza-ric-sindaco.jpg L’Ordine del Giorno di FBC/CiC che invitava il Sindaco a chiedere a Prefetto e Protezione Civile di avviare un tavolo di confronto finalizzato alla redazione di un Piano di Emergenza riguardante l’intera città di Falconara Marittima in caso di incidente che si verifichi alle ditte Casali Srl, Bufarini Srl e SEA Srl perseguiva ciò che altre Prefetture fanno da 12 anni.

Ma è stato bocciato dal Sindaco e dai suoi Consiglieri comunali.

cattura.JPGPubblichiamo il Piano della Prefettura di Bergamo ( clicca quì ) che dal 2004 ha approvato un documento globale con il quale è stata pianificata la gestione delle emergenze relative al rischio industriale delle loro realtà industriali censite quali aziende a rischio. Continua a leggere…

Falconara Marittima: sul fronte della sicurezza otto anni e mezzo di completo fallimento dell’Amministrazione Brandoni!

senza-ric-sindaco.jpgOtto anni e mezzo di completo fallimento sul fronte della sicurezza!

Da quando a marzo il Sindaco Brandoni ha preso con sé la delega alla sicurezza, nulla è cambiato a Falconara. Stiamo ancora aspettando che venga convocata la Commissione consiliare per illustrare i report di criminalità degli ultimi tre anni, da noi chiesto ad inizio 2016.

Le dichiarazioni del Sindaco in occasione della nomina del Comandante della Polizia Municipale sono quantomeno fuorvianti: Continua a leggere…

Falconara M.: l’inquinamento da TETRACLOROETILENE e MANGANESE riscontrato nella falda acquifera dell’area pubblica ex Antonelli potrebbe essere migrato verso le zone abitate. Regione Marche e ARPA Marche non hanno ancora eseguito l’Analisi di Rischio. Il Sindaco di Falconara chiude l’area 2 mesi dopo che il rischio per la salute pubblica si è palesato!

senza-ric-sindaco.jpgQuello di realmente preoccupante che è emerso dalla Commissione consiliare Ambiente del Comune di Falconara M. è che oltre all’inquinamento da idrocarburi di suolo e sottosuolo, nell’area pubblica ex Antonelli l’inquinamento riscontrato nella falda acquifera potrebbe essere migrato fuori dall’area, verso le zone abitate.

LARA POLITA, Consigliera comunale delle liste civiche FBC e CiC che ha espresso e fatto mettere a verbale numerose osservazioni e quesiti, sintetizza che “Di sicuro c’è una connessione tra acque di falda dell’area pubblica ex Antonelli e quelle della confinante area di proprietà di RFI (ndr: sottopasso via Monti e Tognetti) dato che in ambedue è stato trovato il metallo pesante MANGANESE. Tra l’altro sembra che dal febbraio 2014 RFI SpA non abbia ancora prodotto la documentazione relativa alle indagini di caratterizzazione dell’area di sua proprietà chiesta dal Ministero dell’Ambiente! Inoltre, a mia precisa osservazione, i Tecnici comunali che seguono la problematica con il Ministero dell’Ambiente, non hanno escluso che ci possa essere una connessione anche con gli inquinanti presenti nell’area di proprietà di API raffineria“.

Lara Polita ha aggiunto:Il fatto che nelle acque di falda dell’area pubblica sia stato trovato anche TETRACLOROETILENE ci preoccupa moltissimo poiché è un idrocarburo clorurato alifatico classificato dalla IARC di Lione come agente cancerogeno di classe 2A (probabilmente cancerogeno per l’uomo) e riteniamo che non ci sia tempo da perdere per capire se la contaminazione attraverso le acque di falda possa avere interessato le zone abitate”. Continua a leggere…

Ex scuola Lorenzini di Villanova: come mai l’Amministrazione comunale di Falconara Marittima ha cestinato il progetto di riqualificazione autofinanziato da una ONLUS della pubblica assistenza che avrebbe già potuto essere stato realizzato? Un’interpellanza della Consigliera Lara Polita chede i verbali e la documentazione della trattativa!

senza-ric-sindaco.jpgRiguardo al recupero della ex scuola Lorenzini di Villanova, la Consigliera comunale LARA POLITA - liste civiche Falconara Bene Comune e Cittadini in Comune - ha presentato un‘INTERPELLANZA al Sindaco di Falconara Marittima per fare chiarezza sul come e il perché l’Amministrazione comunale abbia scelto di finanziarlo (forse!) attraverso l’incognita del bando ministeriale piuttosto che affidarsi alla certezza dell’intervento privato della BLU Pubblica Assistenza ONLUS che aveva già acceso un mutuo di 180.000 Euro!

Lara Polita spiega chel‘INTERPELLANZA punta a chiarire i termini della trattativa tra l’Amministrazione comunale e la BLU dato che - contravvenendo all’impegno preso ufficialmente in Commissione il 27 marzo 2014 dai Presidenti delle Commissioni II^ e III^ Ivano Astolfi e Valentina Barchiesi - essa si è svolta all’insaputa del Consiglio comunale e dei cittadini di Villanova. Che la trattativa fosse in atto e ben avviata, lo testimoniano i titoli dei quotidiani del 24 aprile, del 27 agosto e del 3 ottobre 2014 i quali riportano le dichiarazioni ottimistiche dell’Assessore Astolfi e del Presidente della BLU” il quale il 27 agosto 2014 dichiarò alla stampa che al ritorno dell’Assessore dal viaggio di nozze si sarebbe stipulata la convenzione con la quale la BLU avrebbe ristrutturato l’edificio a sue spese (180.000 Euro di mutuo) per farne la sede della pubblica assistenza e spazi sociali per il quartiere e la città.

Ovviamente la proprietà dell’edificio sarebbe rimasta del Comune di Falconara, ma in 6 mesi lo stabile sarebbe rinatoaggiunge la Consigliera delle civiche FBC/CiC. Continua a leggere…

Conferenza stampa delle liste civiche Falconara Bene Comune e Cittadini in Comune: ARGOMENTI E CIFRE DI UN IMPEGNO PER AFFERMARE LA DEMOCRAZIA DIRETTA E LA PARTECIPAZIONE!

senza-ric-sindaco.jpg2016-01-04_114906.jpg img-20160102-wa0004.jpg Conferenza Stampa delle liste civiche FBC e CIC per presentare le attività 2015, per analizzare criticità e proposte per il 2016 e per presentare il nuovo consigliere comunale delle liste civiche FBC E CIC, LARA POLITA (45 anni, laureata in economia e commercio, dipendente della LEGAUTONOMIE che è un’associazione di comuni, province, regioni, comunità montane, costituitasi nel 1916 e da sempre impegnata per la crescita democratica e civile del Paese attraverso un processo di rinnovamento istituzionale fondato sulla valorizzazione delle amministrazioni locali e regionali).

Riteniamo molto importante pubblicare questi dati come segno di trasparenza e di responsabilità nei confronti di ci ha dato fiducia e nei confronti dell’intera città.

Gli indicatori più significativi del nostro lavoro in Consiglio comunale sono i seguenti: Continua a leggere…

<< Pagina PrecedentePagina Successiva >>