Rimuovere le barriere architettoniche dal parcheggio pubblico di fronte al centro commerciale Le Ville! E’ l’impegno chiesto da FBC/CiC al Sindaco di Falconara con una mozione corredata da immagini fotografiche eloquenti.

senza-ric-sindaco.jpgFBC/CiC hanno presentato una mozione affinchè il Consiglio comunale impegni il Sindaco di Falconara M. a disporre la rimozione delle barriere fisiche presenti nello scivolo del parcheggio pubblico di fronte al Centro commerciale LE VILLE.

La Consigliera comunale FBC/CiC, Lara Polita, ha motivato l’iniziativa consiliare sottolineando chela presenza di gradini per salire e scendere alle estremità dello scivolo ad uso di carrozzine e sedie a rotelle, crea una oggettiva difficoltà nello spostamento a chi necessita di tali mezzi e a chi ha necessità di utilizzare stampelle, bastoni o deambulatori per camminare. La nostra mozione ha lo scopo di far rimuovere quegli ostacoli attraverso la realizzazione di scivoli pienamente fruibili“.

Di seguito la documentazione fotografica inoltrata all’Amministrazione comunale. Continua a leggere…

SOLUZIONI AL PROBLEMA DEGLI SCOLMATORI: FBC/CiC soddisfatte che la loro proposta del luglio 2016 per RIDURRE GLI INTERVENTI INVASIVI SULLA SPIAGGIA abbia convinto anche il Sindaco. Rimaniamo basiti sul fatto che “finora l’ipotesi non è mai stata approfondita“! ADESSO BASTA CON LE CHIACCHIERE E SI CERCHINO I FINANZIAMENTI, ANCHE NELL’UNIONE EUROPEA!

simboliDallo studio prodotto dall’Università Politecnica e dalle dichiarazioni rilasciate dal Sindaco di Falconara in occasione dell’iniziativa organizzata dalla CNA, prendiamo favorevolmente atto dell’obiettivo di limitare al minimo gli interventi impiantistici in spiaggia, privilegiando la raccolta delle acque a monte. Il 25 luglio 2016, con un proprio Ordine del Giorno, FBC/CiC avevano auspicato soluzioni che  contemperassero efficacia e basso impatto ambientale e avevano chiesto di approfondire la fattibilità di vasche di contenimento a mezza costa che consentirebbero di ridurre ildimensionamento di quelle da realizzarsi sulla spiaggia a vantaggio di un più contenuto impatto“! La richiesta della Consigliera di FBC/CiC - Lara Polita - fu inserita e approvata nella successiva Deliberazione del Consiglio comunale di Falconara del 15 settembre 2016.

Oggi, attenendoci alle notizie di stampa che riferiscono le dichiarazioni del Sindaco ma, allo stesso tempo, sottolineano che “finora l’ipotesi non è mai stata approfondita“, chiediamo il perché si è perso tempo e si sta perdendo tempo!

E’ ora di smetterla con le chiacchiere!  E’ ora di stringere sui tempi! Continua a leggere…

Con la recente modifica al Piano di Rischio Aeroportuale, il Consiglio comunale di Falconara Marittima (ad eccezione di FBC/CiC) persevera nell’avallare un Piano IRREGOLARE già dal 2009 a causa di una FALSA ATTESTAZIONE ignorata e approvata sempre dal Consiglio comunale (escluso CiC)!

senza-ric-sindaco.jpgAl Consiglio comunale del 6 aprile scorso tutti i Consiglieri comunali - meno Lara Polita di FBC/CiC - hanno approvato l’aggiornamento del Piano di Rischio Aeroportuale.

il-falso-def.JPGMa quel Piano di Rischio ha la peculiare e grave caratteristica di essere IRREGOLARE già dal 7 agosto 2009 allorquando il Consiglio comunale (meno CiC) l’aveva approvato nonostante fosse viziato da una palese, FALSA ATTESTAZIONE!

Questa situazione che si trascina da 8 anni, nonostante sia stata illustrata anche ai parlamentari della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, determina un affastellamento di IRREGOLARITA’ ogni volta che si mette mano al Piano di Rischio poiché qualsiasi modifica viene apportata, appunto, su un Piano IRREGOLARE. Continua a leggere…

Bypass fs di Falconara M.: tra due mesi si avvieranno i cantieri ma l’Amministrazione comunale non conosce il progetto esecutivo e non ha informato i Consiglieri e i cittadini sui sondaggi del sottosuolo e delle acque di falda che RFI ha effettuato a gennaio all’interno della ex caserma Saracini!

senza-ric-sindaco.jpgMentre sulla stampa locale si informa che tra due mesi, a Falconara M., saranno aperti i cantieri del bypass ferroviario, nel corso del Consiglio comunale del 6 aprile scorso abbiamo avuto la conferma che l’Amministrazione comunale è sicuramente incapace o non vuole gestire con autorevolezza qualsiasi progetto o criticità industriale ed infrastrutturale che impatta sul proprio territorio e sui cittadini.

Riguardo all’opera del bypass ferroviario, il Comune di Falconara M. conta talmente poco nella fase attuale che non le sono stati presentati i progetti esecutivi né pezzi dei progetti esecutivi! Parola dell’Assessore all’Urbanistica - Clemente Rossi - che ha risposto alla specifica domanda della Consigliera comunale di FBC/CiC, Lara Polita. L’Assessore Rossi ha anche informato che “non c’è concordanza su alcune opere che sono direttamente collegate alla possibilità di raccordo della città con le strutture viarie“! In altre parole, tutto procede per realizzare l’opera che permanentemente complicherà la sicurezza idraulica della zona di Fiumesino e la sicurezza trasportistica dell’aeroporto delle Marche, ma il Comune di Falconara non è informato di nulla né da RFI né dalla società appaltatrice Ricciardello che ha già redatto il progetto esecutivo! Il Comune di Falconara M. è stato utile solo quando a marzo 2009 il Sindaco Brandoni ha dato l’assenso al progetto in sede di Conferenza dei Servizi presso il Ministero delle Infrastrutture. Poi, sono volati pesci in faccia come si merita chi NON HA MAI PROVATO AD OPPORSI AD UN PROGETTO SBAGLIATO NEL POSTO SBAGLIATO e NON SI E’ MAI BATTUTO a fianco dei cittadini PER L’ESISTENTE MIGLIOR PROGETTO che sacrificasse il meno possibile il territorio: il progetto della Provincia di Ancona, realizzabile anche a stralci.

L’Amministrazione comunale che nei confronti di Ministero delle Infrastrutture ed RFI ha abbracciato il proverbiale principio delle 3 scimmiette, continua ad esibirsi nell’arte dell’occultamento di informazioni nei confronti dei Consiglieri comunali (sicuramente non di quelli che la sostengono) e dei cittadini falconaresi. Continua a leggere…

Ecco il Piano di Emergenza per il rischio industriale della Prefettura di Bergamo che testimonia la bontà dell’Ordine del Giorno della Consigliera comunale di FBC/CiC! Sindaco, Assessori, Consiglieri di maggioranza e del Partito Democratico ne ignorano l’esistenza e si votano un Ordine del Giorno confuso e che evita di nominare le aziende Bufarini, Casali e SEA! Lara Polita: “Ci dissociamo dall’ignoranza e dalla cattiva volontà! Votatevi pure il vostro Odg di facciata e prendetevi le vostre responsabilità, fino al prossimo incidente!”

senza-ric-sindaco.jpg L’Ordine del Giorno di FBC/CiC che invitava il Sindaco a chiedere a Prefetto e Protezione Civile di avviare un tavolo di confronto finalizzato alla redazione di un Piano di Emergenza riguardante l’intera città di Falconara Marittima in caso di incidente che si verifichi alle ditte Casali Srl, Bufarini Srl e SEA Srl perseguiva ciò che altre Prefetture fanno da 12 anni.

Ma è stato bocciato dal Sindaco e dai suoi Consiglieri comunali.

cattura.JPGPubblichiamo il Piano della Prefettura di Bergamo ( clicca quì ) che dal 2004 ha approvato un documento globale con il quale è stata pianificata la gestione delle emergenze relative al rischio industriale delle loro realtà industriali censite quali aziende a rischio. Continua a leggere…

La Giunta comunale di Falconara M. vuole eliminare il seggio elettorale N°8 del quartiere Villanova. Perché non lo sposta provvisoriamente come fece per il seggio N°1 di Falconara Alta? La Consigliera comunale Lara Polita ha presentato un Ordine del Giorno per indurre il Sindaco Brandoni a modificare la Delibera.

simboliLa Giunta comunale di Falconara Marittima ha deliberato l’eliminazione del seggio elettorale N° 8 ospitato nella ex scuola Lorenzini del quartiere Villanova. Quel seggio, che serve anche i residenti di Fiumesino, Rocca Priora e Poiole, sarebbe risultato inutilizzabile a seguito del sopralluogo dell’assessorato alle Infrastrutture di Matteo Astolfi. Che l’Amministrazione Brandoni abbia fatto degradare l’edificio delle ex scuole Lorenzini è sotto gli occhi di tutti e dunque è anche credibile che dal referendum del 2015 la condizione dei locali che hanno ospitato il seggio N°8 sia peggiorata.

Ma perché eliminare definitivamente il seggio elettorale dal momento che l’Amministrazione comunale ha elaborato la riqualificazione per le ex Lorenzini con il Progetto Preliminare del “Polo per servizi socio-culturali” con il quale ha chiesto un finanziamento al Governo (DPCM 15 Ottobre 2015 avente per oggetto “Interventi per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane e degradate”)?  Vista la imminente riqualificazione, sarebbe più logico un trasferimento momentaneo ad altra sede del seggio elettorale piuttosto che la sua eliminazione.

A tale proposito c’è un precedente che ha riguardato il seggio N°1 di Falconara Alta negli anni 2013 e 2014, quando la Scuola Dante Alighieri che ospita il seggio era in ristrutturazione. In quei due anni, per ben 3 competizioni elettorali (politiche febbraio 2013 - comunali maggio 2013 ed europee maggio 2014) il seggio N°1 fu ospitato nei locali della Società di Mutuo Soccorso di Falconara Alta individuato dallo stesso assessorato guidato da Astolfi! Continua a leggere…

Pagina Successiva >>