Falconara M.: l’ARPAM conferma la contaminazione da Idrocarburi Totali dell’acqua del pozzo privato a monte della ex caserma … Ma c’è anche il TETRACLOROETILENE! Ordinanza del Comune che vieta l’utilizzo dell’acqua del pozzo. Il puzzle della contaminazione delle acque di falda si complica sempre di più e Lara Polita denuncia l’inadeguatezza del Comune, della Provincia e della Regione! Chiesta, per l’ennesima volta, la convocazione della Commissione Ambiente!

senza-ric-sindaco.jpgIl Comune di Falconara Marittima ha emesso l’Ordinanza ( leggi quì ) di divieto di utilizzo dell’acqua del pozzo privato ubicato a monte della ex caserma Saracini. Secondo quanto si apprende dal provvedimento datato 11 agosto 2017, l’ARPA Marche ha tramesso gli esiti delle analisi eseguite sull’acqua del pozzo in cui ha trovato Idrocarburi totali e Tetracloroetilene che superano le Concentrazioni Soglia di Contaminazione (CSC) stabiliti dal D.Lgs 152/2006.

Ricordiamo che il Tetracloroetilene è un solvente organico clorurato che lo IARC (International Agency for Research on Cancer) ha classificato come probabile cancerogeno per l’uomo (gruppo 2A).

L’ASUR che cosa dice? Non si sa! Continua a leggere…

Comune di Falconara Marittima: la “TASSA DI DAMOCLE” dei rifiuti scarsamente differenziati continuerà ad abbattersi sulle tasche dei cittadini! L’Assessore Astolfi annuncia attivazioni del porta a porta con il contagocce per non ammettere il fallimento della prossimità che inchioda il Comune a solo il 55% di raccolta differenziata!

senza-ric-sindaco.jpg Il 16 giugno scorso è uscito un comunicato dell’Assessore all’Ambiente del Comune di Falconara M. nel quale si annuncia una “mini rivoluzione nella raccolta dei rifiuti a Villanova” dove si introdurrà il metodo porta a porta (pap) in sostituzione del metodo di prossimità.

mappa-pap-definitiva.JPG Quando il comunicato recita che “la differenziata di prossimità ha consentito all’amministrazione di incrementare gradualmente il quantitativo di raccolta fino a raggiungere il 55 percento in tutta la città“, di fatto la realtà viene mistificata poiché i cittadini falconaresi stanno pagando dal 2010 salate sanzioni a causa del solo 55% di differenziazione dei rifiuti dovuto proprio al metodo della prossimità voluto e adottato dall’Amministrazione comunale in accordo con Marche Multiservizi/HERA.

Così oggi l’Assessore Astolfi e i suoi sodali - Sindaco Brandoni e Assessori Signorini, Rossi, Fiorentini, Mondaini e Marche Multiservizi - pur di non ammettere il fallimento della prossimità introducono con il contagocce il sistema di raccolta pap nel tentativo di raggiungere quel 65% di differenziazione dei rifiuti che metterebbe fine al fendente annuale della “TASSA DI DAMOCLE” sulle tasche dei falconaresi. Continua a leggere…

IL SINDACO BRANDONI, I SUOI ASSESSORI E I CONSIGLIERI COMUNALI TENGONO NASCOSTO CHE E’ STATA RIANIMATA (o resuscitata) MARCHE MULTISERVIZI FALCONARA srl CHE, DAL 1 GENNAIO, GESTISCE LA RACCOLTA DEI RIFIUTI A FALCONARA M. Hanno ottenuto il primo risultato: sono a rischio occupazione i lavoratori del settore amministrativo!

senza-ric-sindaco.jpgDispiace che ieri sera, in Consiglio comunale, si sia verificata un’incomprensione tra un gruppo di lavoratori di Marche Multiservizi Falconara srl preoccupati per la futura situazione occupazionale e la Consigliera di FBC/CiC Lara Polita.

Eppure l’intervento della Consigliera, scritto a più mani dal gruppo di lavoro delle liste civiche, era molto chiaro sia nel voler difendere il futuro occupazionale dei dipendenti di Marche Multiservizi Falconara srl sia nel voler capire perché, in fretta e furia, Marche Multiservizi Pesaro SpA - di cui il Comune di Falconara detiene uno 0,3% di azioni dopo la cessione del CAM - ha rianimato (o resuscitato) Marche Multiservizi Falconara srl.

Su questa seconda richiesta, la maggioranza del Sindaco e il Consigliere Giacanella hanno fatto muro e sono riusciti ad ingannare i lavoratori facendo credere loro che FBC/CiC non fossero interessati al loro futuro occupazionale. Continua a leggere…

Bilancio 2017 del Comune di Falconara Marittima: NON E’ VERO CHE LE TASSE SONO INVARIATE come propaganda la Giunta Brandoni! Lo stesso Assessore al Bilancio Mondaini ha confermato quanto denunciamo da anni: i Falconaresi pagano un costo aggiuntivo di “150/200 Mila Euro all’anno di quota variabile di tassa rifiuti” per il fallimentare metodo di raccolta di Marche Multiservizi. Si sono anche inventati la bufala che il sistema di raccolta porta a porta provocherebbe un aumento dei certificati di malattia tra gli Operatori ecologici per i dolori articolari!

senza-ric-sindaco.jpgL’Assessore al Bilancio del Comune di Falconara M. ha confermato quanto andiamo dicendo da anni: ogni anno la bolletta dei rifiuti dei Falconaresi aumenta costantemente da anni perché il fallimentare metodo di raccolta dei rifiuti determina un conferimento in discarica di rifiuti indifferenziati superiore a quanto stabilito dalla normativa regionale e quindi costi superiori di 150/200 Mila Euro all’anno!

Per 100 mq di casa a Falconara Marittima si paga 77 Euro/anno in più di tassa sull’immondizia rispetto ad Ancona e 118 Euro/anno in più rispetto a Senigallia dove la raccolta dei rifiuti si effettua con il metodo del porta a porta.

Vedi http://www.cittadiniincomune.net/2017/02/10/circa-645000-euro-in-5-anni-e-la-cifra-aggiuntiva-che-la-giunta-brandoni-ha-fatto-pagare-ai-falconaresi-per-il-conferimento-in-discarica-dei-rifiuti-il-resto-del-carlino-quantifica-per-i-falconaresi/#more-2062 Continua a leggere…

Circa 645.000 Euro in 5 anni è la cifra AGGIUNTIVA che la Giunta Brandoni ha fatto pagare ai falconaresi per il conferimento in discarica dei rifiuti! Il Resto del Carlino quantifica per i falconaresi 118 Euro all’anno in più di TARI rispetto ai senigalliesi con gli stessi 100 mq di casa! A Senigallia i rifiuti si raccolgono con il sistema porta a porta, a Falconara con il sistema fallimentare di Marche Multiservizi/HERA!

senza-ric-sindaco.jpg Per 100 mq di casa a Falconara Marittima - dove la Giunta Brandoni fa praticare il metodo di prossimità nella raccolta dei rifiuti - si paga 77 Euro/anno in più di tassa sull’immondizia rispetto ad Ancona (peggiore performance di raccolta porta a porta) e 118 Euro/anno in più rispetto a Senigallia (migliore performance di raccolta porta a porta).

rdc-8-febb-2017.JPGE’ dal Resto del Carlino dell’8 febbraio scorso che si deduce questo dato che come FBC/CiC abbiamo puntualmente contestato ogni anno all’Amministrazione comunale di Falconara M., durante la discussione del Bilancio.

Eccoli i dati - MAI SMENTITI - dello SCANDALOSO PRIMATO DEL COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA CHE NON RAGGIUNGE IL 65% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA e, per questo, paga delle penali che poi scarica sulle bollette dei falconaresi: Continua a leggere…

Esalazioni di idrocarburi del 28 agosto 2016: il Sindaco di Falconara ha scelto di controllare i cittadini, le vittime, piuttosto che i probabili responsabili delle esalazioni! Pubblichiamo la risposta all’interrogazione della Consigliera FBC/CiC, Lara Polita.

senza-ric-sindaco.jpgIn questo stralcio della risposta del Sindaco di Falconara Marittima alla interrogazione di FBC/CiC sul comportamento della pattuglia della Polizia Municipale il 28 agosto scorso (mentre la città era ammorbata da esalazioni di idrocarburi), si coglie la dequalificazione e l’inefficienza a cui è indotta la PM di Falconara Marittima dalle petroliera-ft-quinto.JPGdisposizioni del Sindaco stesso il quale, lo sottolineiamo con forza, è colui che “impartisce le direttive, vigila sull’espletamento del servizio e adotta i provvedimenti previsti dalle leggi e dai regolamenti.” (art. 2 della LEGGE N. 65/1986 “LEGGE QUADRO SUL’ORDINAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE”).

stralcio-28-agosto-pm.JPG Continua a leggere…

Pagina Successiva >>