FALCONARA M.: lo stipendio a rischio degli Operatori della Cooperativa AGORA’ è una delle conseguenze del pessimo appalto al ribasso del Centro Socio-Sanitario di via Marsala! CiC lo denunciò già nel 2010 ed il Consigliere Borini sta incalzando da mesi la Giunta Brandoni, i cui Assessori sono TUTTI responsabili di aver pianificato le condizioni che stanno producendo la drammatica situazione odierna!

Scritto il 29 Dicembre 2015 
Pubblicato su Comunicati Lista Cittadini, Salute e sicurezza

senza-ric-sindaco.jpgQuesta odierna è la classica situazione di sottovalutazione “colpevole” di un’Amministrazione comunale - 1^ Giunta Brandoni (TUTTI GLI ASSESSORI, NESSUNO ESCLUSO!) che ha fatto una gara  di appalto (bando del 2010) al massimo ribasso, con un obbligo per la Cooperativa vincitrice di dare 145.000 euro all’anno al Comune come canone di concessione per gestire i servizi fino a dicembre 2021. Alla Gara non parteciparono altre cooperative al di fuori dell’AGORA’ perché - molto probabilmente - non c’erano i margini necessari per una congrua gestione!

Quando il primo obiettivo è il contenimento delle spesa, la qualità del servizio salta. Il conto, è chiaro, lo pagano i dipendenti, gli utenti e le loro famiglie. Immaginatevi in un lavoro di relazione con i disabili quanto pesa questa situazione di “sfruttamento” dei lavoratori.

Siamo costretti a specificare alcune date e alcuni passaggi di cui il Consigliere comunale di FBC/CiC - Riccardo Borini - è stato testimone:

ü  Quale è la cooperativa che attualmente gestisce il servizio?

ü  Quanto scade l’attuale contratto del servizio con la cooperativa?

ü  Ci sono ritardi della cooperativa che gestisce il servizio per il pagamento degli stipendi agli operatori?

ü  La cooperativa quando fattura al comune presenta i documenti di regolarità contributiva (DURC) nei confronti dei propri dipendenti come prevede la normativa vigente?

ü  Il dirigente dei servizi quali strumenti utilizza per il controllo della qualità dei servizi e dei parametri previsti dal contratto in essere con la cooperativa?

ü  Il dirigente dei servizi sociali ed educativi ha mai incontrato i responsabili e gli operatori della cooperativa per affrontare le criticità ed individuare soluzioni rispetto al servizio?

ü  E’ garantita la supervisione periodica agli operatori visto il “delicato” ruolo che ricoprono?

ü  L’Assessore alla Pubblica Istruzione e l’Assessore ai Servizi Sociali hanno mai incontrato i genitori degli utenti disabili per un confronto sui servizi?

ü  Se li hanno incontrati: quale è stata la data dell’ultimo incontro e quali sono state le problematiche evidenziate e da affrontare?

Questi sono i fatti. Abbiamo la netta sensazione che questa amministrazione non vuole riconoscere i propri errori e vuole mantenere lo status quo, cercando di mettere qualche cerotto qua e là per gestire il consenso. Ribadiamo con forza che i diritti degli utenti delle loro famiglie e dei lavoratori devono essere rispettati fino in fondo. Ci sono, poi, determinati obblighi legislativi che vanno osservati come la regolarità contributiva della cooperativa che fornisce i servizi al Comune. Inoltre ci sono precise responsabilità e pertinenti compiti per il Dirigente che deve controllare la qualità del servizio offerto in base al capitolato e la contratto in essere. Se i problemi persistono, vanno verificate le possibilità di applicazione delle penali (art 13 del contratto tra il Comune e la Cooperativa) di revoca (art 14 del contratto) visto che il contratto con la cooperativa termina nel 2021.

Le criticità e le proposte di miglioramento dei servizi per i disabili e per gli anziani non autosufficiente le abbiamo poste fin da gennaio 2014. Sono due anni che, come liste civiche FBC E CIC, poniamo queste questioni in consiglio comunale e nelle commissione consigliare, senza ottenere nessun risultato vedi http://www.cittadiniincomune.net/wp-content/uploads/2014/06/scheda-3152014.pdf

leggi anche:

diario dell’attività FBC CiC sui servizi per i disabili e per gli anziani non autosufficienti

Staff comunicazione liste civiche Falconara Bene Comune e Cittadini in Comune

Commenti

Rispondi




Please leave these two fields as-is: