Con il nuovo Regolamento di Polizia Urbana i cittadini falconaresi saranno meno liberi di manifestare il proprio dissenso. Proteste come quella dei commercianti del 29 Ottobre o come quelle contro l’inquinamento degli anni scorsi, potrebbero essere sanzionate con ammende da 100 a 300 euro per ogni partecipante e con l’allontanamento. Motivo? “Atteggiamenti e comportamenti molesti (…) nei confronti degli altri in strade o aree pubbliche o ad uso pubblico, recando intralcio o pericolo ai pedoni e/o ai veicoli”! CiC/FBC/SAF presentano 16 emendamenti in Consiglio comunale per mitigare alcuni effetti deleteri per la libertà e per evitare che il centro diventi una zona interdetta. Pubblichiamo la mappa. Noi contestiamo il Regolamento perchè, per come è costruito, si presta a “buttare bambino e panni sporchi”, cioè a ledere i diritti civili! Per evitare tutto questo il Sindaco avrebbe, come Ufficiale di Governo, un’arma più chirurgica del Regolamento/calderone: le Ordinanze contingibili ed urgenti dirette a prevenire e contrastare le situazioni che favoriscono l’insorgere di fenomeni criminosi o di illegalità, quali lo spaccio di stupefacenti, lo sfruttamento della prostituzione, o fenomeni di abusivismo, quale l’illecita occupazione di spazi pubblici, o di violenza, anche legati all’abuso di alcool o all’uso di sostanze stupefacenti.

Pubblicato il 25 Novembre 2020 
Articolo su Comunicati Lista Cittadini, Consigli Comunali, Quartieri, Salute e sicurezza | Lascia un commento

doppio-simbolo.JPG Scena 1: la civile protesta dei commercianti falconaresi del 29 Ottobre scorso contro le restrizioni decise dal DPCM governativo. La protesta autorizzata è tracimata dai marciapiedi bloccando il traffico in via Flaminia. Da domani, secondo il nuovo Regolamento di Polizia Urbana che sarà portato in votazione in Consiglio comunale, quei cittadini sarebbero punibili con una “sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 300 euro e contestualmente all’accertamento della condotta illecita (…) ai trasgressori viene ordinato l’allontanamento dal luogo in cui è stato commesso il fatto”.

Motivo?

Aver assunto “atteggiamenti e comportamenti molesti (…) nei confronti degli altri in strade o aree pubbliche o ad uso pubblico, recando intralcio o pericolo ai pedoni e/o ai veicoli” ovvero per “comportamenti lesivi dell’accessibilità e della fruibilità delle aree pubbliche o di uso pubblico“. Continua a leggere…

AUTOVELOX del Comune di Falconara: “per stessa ammissione del Comune i rilevatori erano stati installati ad una distanza inferiore ad un chilometro” hanno motivato centinaia di volte i Giudici di Pace annullando le sanzioni agli automobilisti! Ora la Giunta Signorini lo ammette anche con la propria Delibera 337 del 1 Ottobre e rinuncia all’appello contro quelle sentenze. Siamo di fronte all’incompetenza conclamata dell’intera Giunta Signorini e del Comandante della Polizia Locale che il 22/3/2019 decisero l’installazione dell’autovelox dopo aver valutato “tutta la normativa vigente riguardante installazione e pre-segnalazione dei dispositivi di controllo elettronico della velocità”. NON CI AVEVANO CAPITO NULLA! Lo dicono le sentenze e lo ha ammesso il Comune stesso! Che Amministrazione Comunale è questa del Sindaco Signorini che ha continuato a chiedere somme di denaro agli utenti della strada nonostante l’irregolarità dell’autovelox? Finora i costi parziali dell’incompetenza sono di 895.786 Euro di denaro pubblico.

Pubblicato il 20 Novembre 2020 
Articolo su Comunicati Lista Cittadini, Consigli Comunali, Infrastrutture e Territorio | Lascia un commento

doppio-simbolo.JPG Con propria Delibera n° 337 del 1 Ottobre 2020 la Giunta Signorini ha formulato un Atto di indirizzo che stabilisce di non ricorrere in appello contro le sentenze del Giudice di Pace che le hanno dato torto sul posizionamento dell’autovelox ad una distanza inferiore ad un chilometro dal segnale che impone il limite di velocità.

autovelox.JPG Le sentenze dei Giudici di Pace ripetono tutte: “per stessa ammissione del Comune i rilevatori erano stati installati ad una distanza inferiore ad un chilometro”. Continua a leggere…

Spiaggiamento pesci morti o agonizzanti a Falconara Marittima: CiC/FBC/SAF interrogano il Sindaco per conoscere gli esiti dei sopralluoghi della Capitaneria di Porto e delle auspicabili analisi sugli esemplari prelevati. Anche ieri abbiamo constatato esemplari agonizzanti in pochi centimetri di acqua.

Pubblicato il 9 Novembre 2020 
Articolo su Comunicati Lista Cittadini, Salute e sicurezza | Lascia un commento

doppio-simbolo.JPG Abbiamo depositato un’interrogazione consiliare rivolta al Sindaco di Falconara Marittima per sapere se si è informata presso la Capitaneria di Porto di Ancona riguardo all’esito dei sopralluoghi effettuati sulla spiaggia di Falconara interessata - da alcune settimane - dallo spiaggiamento di numerosi pesci morti o agonizzanti.

Soprattutto è importante sapere se al sopralluogo della Capitaneria sia seguito l’auspicato invio all’Istituto Zooprofilattico di alcuni esemplari dei pesci per la contestuale analisi ed i relativi risultati.

Anche ieri, 8 Novembre, sia grazie alla segnalazione dei cittadini sia a seguito di un personale sopralluogo, sulla battigia e in acqua erano presenti - oltre alle carcasse dei pesci delle scorse settimane - anche altri pesci interi, non decomposti e altri agonizzanti in posizione rovesciata che si muovevano in pochi centimetri di acqua. Continua a leggere…

Indignazione per il messaggio agli studenti del Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale delle Marche Marco Ugo Filisetti: retorica bellicista in contrasto con l’art. 11 della COSTITUZIONE repubblicana che dichiara espressamente il ripudio della guerra. CiC/FBC/SAF invitano i Sig.ri Dirigenti scolastici a prendere le distanze dall’esternazione del Direttore regionale ed auspicano che la Ministra all’Istruzione assuma adeguati provvedimenti sanzionatori nei suoi confronti.

Pubblicato il 6 Novembre 2020 
Articolo su Comunicati Lista Cittadini | Lascia un commento

doppio-simbolo.JPG Le liste civiche Cittadini in Comune/Falconara Bene Comune e SiAmo Falconara Sinistra in Comune esprimono sconcerto e indignazione riguardo al messaggio inviato agli studenti marchigiani dal Direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale Dott. Marco Ugo Filisetti in occasione della celebrazione del 4 novembre “GIORNATA DELL’UNITÀ NAZIONALE”.

filisetti.JPG Un discorso infarcito di retorica bellicista, nazionalistica e antistorica.

Un messaggio fuorviante, machista, diseducativo e di estrema gravità in considerazione della funzione istituzionale del Dirigente e dell’età degli studenti destinatari. Continua a leggere…

Antenne telefonia: NO all’aumento delle antenne sul Castello di Falconara Alta e spostamento di quella prevista a Villanova in spiaggia (in via Monti e Tognetti) nella residua area pubblica di via Toselli! Queste le proposte di CiC/FBC/SAF in Commissione consiliare dove si è discusso dell’aggiornamento del Regolamento comunale per la localizzazione degli impianti radioelettrici.

Pubblicato il 5 Novembre 2020 
Articolo su Comunicati Lista Cittadini | Lascia un commento

doppio-simbolo.JPG Nelle Commissioni congiunte Urbanistica e Ambiente di oggi 5 Novembre è stata discussa la proposta di aggiornamento del Regolamento comunale per la localizzazione degli impianti radiolettrici (antenne telefonia).

antenne-regol-aggiornamento.JPG Come Consigliere di CiC/FBC/SAF mi sono dichiarato contrario alla <<riconfigurazione anche con aumento del numero di antenne da realizzarsi>> sul Castello di Falconara Alta.

Dobbiamo essere capaci anche di dire NO ai Gestori delle antenne telefoniche. Un anno e mezzo fa il Regolamento lo abbiamo dovuto studiare e valutare in Commissione e votare in Consiglio comunale tenendo in conto - per Legge - proprio delle loro esigenze industriali per le quali siamo stati costretti ad uno ’slalom’ per cercare di tutelare il più possibile i cittadini. Ora, dopo un anno e mezzo i Gestori non possono pretendere di imporre altre e nuove esigenze industriali ed infarcire Falconara Alta con altre antenne! Continua a leggere…

I Consiglieri comunali di minoranza (Calcina, Federici, Frapiccini, Caricchio, Luciani e Luchetti) hanno chiesto la diffusione on line anche delle sedute in videoconferenza delle Commissioni consiliari. La partecipazione dei cittadini (senza possibilità di intervento) non è più differibile perché è prevista dal TUEL e dal Regolamento del Consiglio e perché non ci sono impedimenti tecnici dato che già il Consiglio comunale è visibile on line. “Sono previste due importantissime Commissioni – una con l’audizione del Direttore Generale dell’ARPAM e l’altra sui versamenti fognari in mare con l’audizione dei Tecnici di Vivaservizi e del sistema di depurazione MUDS – le quali devono poter essere seguite dai cittadini per conoscere tutte le problematiche e le proposte discusse”. La richiesta è stata rivolta sia ai Presidenti delle Commissioni (tutti in quota maggioranza del Sindaco) sia al Presidente del Consiglio comunale Brandoni che con il proprio Decreto del 21 aprile scorso aveva previsto la possibilità dello streaming anche per le Commissioni!

Pubblicato il 19 Ottobre 2020 
Articolo su Comunicati Lista Cittadini | 1 Commento

doppio-simbolo.JPG I Consiglieri comunali di minoranza (Calcina, Federici, Frapiccini, Caricchio, Luciani e Luchetti) componenti delle Commissioni consiliari permanenti e della Commissione Speciale, a seguito dell’immobilismo dell’Amministrazione Signorini hanno ufficializzato con p.e.c. la richiesta - non più differibile - di diffusione on line anche delle sedute in videoconferenza delle Commissioni consiliari.

Le Commissioni consiliari devono essere pubbliche, cioè permettere ai cittadini di seguirne i lavori senza possibilità di intervento: questo è quanto stabilito dell’art. 38 comma 7 del Testo Unico degli Enti Locali e dal Regolamento del Consiglio comunale (art. 46 comma 1). Continua a leggere…


Pagina Successiva >>